SICUREZZA SCANAVINO / News / Obblighi e Responsabilitą del Datore di lavoro in ambito sicurezza

Obblighi e Responsabilitą del Datore di lavoro in ambito sicurezza


Obblighi e Responsabilitą del Datore di lavoro in ambito sicurezza

Come non farsi incastrare dalla normativa e perdere un sacco di quattrini in caso di Ispezione.

Se sei un datore di lavoro, un Amministratore Delegato, un Dirigente Delegato, questo articolo è per te. 




Il D.Lgs. 81/2008 e le novità introdotte dal D.Lgs. 106/2009 hanno accolto molti concetti già specificati all’interno della legge 626/1994. Si tratta di tutti quegli articoli che si basano sulla prevenzione del rischio in azienda e che di conseguenza implicano la partecipazione del datore di lavoro e dei lavoratori nell’adozione degli adempimenti e misure di prevenzione e protezione per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

All’interno di un’azienda, quindi, la prima figura incaricata di garantire la sicurezza sul lavoro e sulla quale ricade appunto l’obbligo del mantenimento dei livelli della stessa è il datore di lavoro, ovvero il proprietario dell’azienda, l’amministratore delegato. Questo soggetto deve assolvere agli adempimenti previsti, ha quindi l’obbligo di evitare che probabili e possibili pericoli dovuti all’esercizio della sua attività, possano tradursi in rischi per i lavoratori che vengono assunti per il compimento di tale attività, i quali però non decidono i criteri per portarla a termine, poiché il potere organizzativo spetta solo al datore di lavoro.


Il datore di lavoro, cioè, organizza l’attività di impresa per portare a termine il lavoro che dovranno svolgere i dipendenti, i quali si devono attenere a quanto viene loro richiesto, ma nel fare questo il datore di lavoro ha l’obbligo di salvaguardare l’integrità psicofisica dei lavoratori eliminando o cercando di ridurre al massimo i rischi che possono procurare dei danni a questi soggetti.

Al datore di lavoro sono equiparati i dirigenti ed i preposti che organizzano tutte le attività svolte dai lavoratori, per i quali il Testo Unico in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro stabilisce che essi oltre ad adottare tutte le misure di sicurezza necessarie per la tutela dei dipendenti, devono anche informare gli stessi sui rischi specifici cui sono esposti, devono insegnare le norme fondamentali di prevenzione e devono addestrare i lavoratori all’utilizzo corretto dei mezzi e degli strumenti di protezione.

Il datore di lavoro, in virtù di queste sue responsabilità deve anche adempiere agli obblighi che gli impongono di mettere nelle condizioni il lavoratore di utilizzare macchinari, utensili e strumentazioni che non presentino nessun rischio per la salute e l’integrità. A questo si affianca anche l’obbligo di informare e formare i dipendenti circa i pericoli che possono derivare da un utilizzo non idoneo dei macchinari e degli utensili. A tal proposito, recentemente il D.Lgs. 106/2009, rispetto al D.Lgs. 81/2008, ha previsto delle sanzioni penali più pesanti per la violazione di questi obblighi.

Oltre al dovere di informare, al datore di lavoro viene anche attribuito il compito di vigilare e verificare il rispetto da parte dei lavoratori delle norme antinfortunistiche. Per cui quello del datore di lavoro è un duplice ruolo, da un lato deve garantire una corretta informazione ed un esatto addestramento, dall’altro deve osservare attentamente che quanto insegnato sia poi messo in pratica dai suoi lavoratori.

Tra gli adempimenti sulla sicurezza sul lavoro, un importante compito che spetta al datore di lavoro è la valutazione dei rischi inerenti la sicurezza e la salute dei lavoratori, attraverso la quale viene redatto successivamente il Documento per la Valutazione dei Rischi (DVR), che rappresenta un’importante attestazione di tutte le misure di prevenzione e protezione che sono state adottate all’interno dell’azienda per migliorare i livelli di sicurezza.

 

Se questo articolo non è riuscito a smuovere la tua coscienza o ad aumentare le tue paure o quantomeno la consapevolezza, sappi che ogni giorno in Italia accadono queste cose:

 

  • Le persone continuano a morire sul lavoro, in media 3 ogni giorno;
  • Le persone continuano ad avere incidenti anche gravissimi sul lavoro;
  • Datori di Lavoro e Dirigenti Delegati vengono incriminati per omicidio colposo o per lesioni gravi e colpose;
  • Aziende che chiudono i battenti per non aver rispettato le misure di sicurezza sul lavoro;
  • Aziende che devono risarcire centinaia di migliaia di euro per aver causato danni alle persone.

 

Se decidi quindi di metterti al sicuro con Sicurezza Scanavino e di essere dall’altra parte della barricata, potrai almeno iniziare a leggere il nostro libro “Per non morire di lavoro” che ti invieremo gratuitamente. Basterà che tu ci fornisca la tua migliore mail, che ti iscriva alla nostra news letter fornendoci un indirizzo fisico al quale inviarti il nostro libro.

Dopodiché potrai decidere se averci al tuo fianco ed aiutarti a non avere problemi per ciò che riguarda la SICUREZZA sul LAVORO.

Lasciando i tuoi dati potrai usufruire di un bonus per un evento di formazione in e-learning tra quelli disponibili nella nostra piattaforma Eformlearning.

A presto.