Facebook Scanavino e Oggero Sicurezza    Google + Scanavino e Oggero Sicurezza    Linkedin Scanavino e Oggero Sicurezza    YouTube Scanavino e Oggero Sicurezza
Chiamaci per informazioni: +39 011/90.63.755    /    E-mail: info@sicurezzascanavino.it
SCANAVINO & OGGERO CONSULENZE / News / BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ?

BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ?


BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ? Boom di vendite di occhiali negli ultimi anni: e se la causa fosse l’uso scorretto dei pc?


Vi siete accorti sicuramente anche voi di quanto negli ultimi anni le vendite di occhiali da vista siano aumentate, a fronte di una notevole crescita del numero di persone affette da problemi di varia natura: dalla miopia all’astigmatismo, fino a fastidi che possono sembrare più superficiali come bruciori e offuscamenti.
Quanto incidono le nuove tecnologie? Come si può comprendere questo aumento di richiesta di occhiali da vista alla luce delle evoluzioni tecnologiche?

Semplice, tutti poco per volta ci siamo abituati a convivere con le nuove tecnologie digitali, e con gli strumenti visivi ad esse collegati. A casa, in ufficio, in viaggio, perfino in spazi aperti o passeggiando per le vie delle città il nostro sguardo è rivolto agli schermi di smartphone, pc, tv o tablet. Dal punto di vista medico, è stata individuata anche una specifica sindrome da visione al computer (CVS) che coinvolge in particolar modo chi lavora in ufficio passando molte ore davanti ad uno schermo. I sintomi variano da quelli visivi o neurologici a quelli muscolari, e si possono presentare con tempistiche diverse e intensità differenti.

Quali sono le cause specifiche che provocano questi disturbi nel tempo?
-La luce emessa dagli schermi spesso è troppo forte: dato che ha una componente di blu notevole, la vista ne è conseguentemente affaticata.
-Una risoluzione degli schermi troppo bassa: su questi monitor i contorni di immagini e caratteri non sono ben definiti, e questo provoca uno sforzo eccessivo degli occhi.
-La posizione dello schermo troppo ravvicinata: se non c’è una distanza sufficiente con il dispositivo che stiamo utilizzando, dai 50 ai 70 cm, il rischio di problematiche legate alla vista aumenta.
-Troppo tempo davanti ad uno schermo senza pause: osservare qualcosa da vicino troppo a lungo aumenta il rischio di incorrere in problemi di miopia.

Prevenire è meglio.
Prevenire è indispensabile, e tutti gli uffici hanno il dovere di dotarsi di misure volte a minimizzare i rischi collegati ad un lavoro al computer. Oltre alle misure di sicurezza che si attuano nella disposizione delle componenti dell’ufficio, le postazioni devono essere adatte al tipo di lavoro, con sedie e poltrone ergonomiche, secondo il D.Lgs. 81/2008.

L’ambiente deve essere illuminato nella giusta misura, e chi lavora davanti ad uno schermo ha il diritto, oltre che un dovere verso la propria salute, di fare delle pause ogni due ore, concentrando la vista in punti lontani. E chi lavora con uno smartphone? Per chi invece deve utilizzare spesso lo smartphone, è più sicuro utilizzare delle cuffie auricolari per evitare il contatto diretto con le radiazioni. Gli interventi di sicurezza da attuare negli uffici in cui è alta la presenza di tecnologie, sono indispensabili a garantire un ambiente sano e luminoso, per evitare di incorrere in danni seri alla vista. E voi, avete già valutato soluzioni per prevenire questi problemi? In caso contrario, cosa aspettate a contattarci?

Scanavino e Oggero Consulenze srl: facciamo sicurezza sul lavoro in Piemonte dal 1965


SICUREZZA SCANAVINO / News / BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ?

BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ?


BOOM DI VENDITE DI OCCHIALI ........ QUALI SONO LE OCCULTE RAGIONI ?

Boom di vendite di occhiali negli ultimi anni: e se la causa fosse l’uso scorretto dei pc?

Vi siete accorti sicuramente anche voi di quanto negli ultimi anni le vendite di occhiali da vista siano aumentate, a fronte di una notevole crescita del numero di persone affette da problemi di varia natura: dalla miopia all’astigmatismo, fino a fastidi che possono sembrare più superficiali come bruciori e offuscamenti.
Quanto incidono le nuove tecnologie? Come si può comprendere questo aumento di richiesta di occhiali da vista alla luce delle evoluzioni tecnologiche?

Semplice, tutti poco per volta ci siamo abituati a convivere con le nuove tecnologie digitali, e con gli strumenti visivi ad esse collegati. A casa, in ufficio, in viaggio, perfino in spazi aperti o passeggiando per le vie delle città il nostro sguardo è rivolto agli schermi di smartphone, pc, tv o tablet. Dal punto di vista medico, è stata individuata anche una specifica sindrome da visione al computer (CVS) che coinvolge in particolar modo chi lavora in ufficio passando molte ore davanti ad uno schermo. I sintomi variano da quelli visivi o neurologici a quelli muscolari, e si possono presentare con tempistiche diverse e intensità differenti.

Quali sono le cause specifiche che provocano questi disturbi nel tempo?
-La luce emessa dagli schermi spesso è troppo forte: dato che ha una componente di blu notevole, la vista ne è conseguentemente affaticata.
-Una risoluzione degli schermi troppo bassa: su questi monitor i contorni di immagini e caratteri non sono ben definiti, e questo provoca uno sforzo eccessivo degli occhi.
-La posizione dello schermo troppo ravvicinata: se non c’è una distanza sufficiente con il dispositivo che stiamo utilizzando, dai 50 ai 70 cm, il rischio di problematiche legate alla vista aumenta.
-Troppo tempo davanti ad uno schermo senza pause: osservare qualcosa da vicino troppo a lungo aumenta il rischio di incorrere in problemi di miopia.

Prevenire è meglio.
Prevenire è indispensabile, e tutti gli uffici hanno il dovere di dotarsi di misure volte a minimizzare i rischi collegati ad un lavoro al computer. Oltre alle misure di sicurezza che si attuano nella disposizione delle componenti dell’ufficio, le postazioni devono essere adatte al tipo di lavoro, con sedie e poltrone ergonomiche, secondo il D.Lgs. 81/2008.

L’ambiente deve essere illuminato nella giusta misura, e chi lavora davanti ad uno schermo ha il diritto, oltre che un dovere verso la propria salute, di fare delle pause ogni due ore, concentrando la vista in punti lontani. E chi lavora con uno smartphone? Per chi invece deve utilizzare spesso lo smartphone, è più sicuro utilizzare delle cuffie auricolari per evitare il contatto diretto con le radiazioni. Gli interventi di sicurezza da attuare negli uffici in cui è alta la presenza di tecnologie, sono indispensabili a garantire un ambiente sano e luminoso, per evitare di incorrere in danni seri alla vista. E voi, avete già valutato soluzioni per prevenire questi problemi? In caso contrario, cosa aspettate a contattarci?

Scanavino e Oggero Consulenze srl: facciamo sicurezza sul lavoro in Piemonte dal 1965