Facebook Scanavino e Oggero Sicurezza    Google + Scanavino e Oggero Sicurezza    Linkedin Scanavino e Oggero Sicurezza    YouTube Scanavino e Oggero Sicurezza
Chiamaci per informazioni: +39 011/90.63.755    /    E-mail: info@sicurezzascanavino.it
SICUREZZA SCANAVINO / News / Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota?

Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota?


Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota? Sono Mattia, ed in gergo comune manovro una “ruspa”!


Si, uno di quei mezzi per cui devi avere un’abilitazione teorica e pratica, una sorta di patentino che ti rende abile, al corso di formazione : per addetti alla conduzione di escavatori.

Oggi, il mio scenario è decisamente diverso dal solito…
 
La mia azienda “ha vinto” un appalto con il comune, e dovrò “spianare” le dune di sabbia della spiaggia per gran parte del mio inverno!
 
Che angoscia… il mio primo giorno su questa spiaggia! Un freddo pomeriggio di novembre, e tutto vorrei fare su questa spiaggia, tranne che passeggiare con la mia “ruspa”!!
 
Vorrei portarci la mia perla, mano per mano, la mia GIADA… Mi accontenterei persino di averla qui, come "copilota"!
 
Mi rendo conto che inizio a viaggiare con la mente, ma oggi non riesco a pensare al mio lavoro,  vorrei guardare con lei il mare d’inverno, e cercare tutte quelle risposte, LE NOSTRE, nell’immensità!
 
Un momento di pazzia, Io & Lei su questa spiaggia…
 
Sento che potrei dirle qualsiasi cosa… 
 
Osservo, ci sono così tante coppie che vorrei omologare in questo momento.
 
Ad un certo punto sento un rumore strano.. penso ad un masso, ma no…. È un cagnolino…niente di straordinario… la magia è finita…ed i miei sensi di colpa iniziano a farmi esplodere il cervello!
 
Ho investito un cagnolino innocente, probabilmente scappato da un padrone…
 
Scendo dalla ruspa, non pensavo più a Giada, ma a ciò che sarebbe potuto succedere se avessi investito un collega o un passante.
 
Ero disattento, non pensavo al lavoro, non stavo vivendo il QUI ed ORA… ma fantasticavo su cose che avrei dovuto tenere fuori dal mio lavoro.
Il cane per fortuna sta abbastanza bene, ha una zampetta dolorante, probabilmente rotta, ma posso scongiurare il peggio.
 
SONO STATO LEGGERO…. E non posso perdonarmelo…  adesso posso solo migliorarmi e fare in modo che certe cose non capitino più!
 
…Ora non riesco a pensare ad altro che al formatore del corso di formazione per attrezzature di lavoro ed alle sue parole:
 
“Ricordatevi bene ragazzi, voi siete responsabili della vostra salute e di quella di chi vi gravita attorno che siano colleghi e/o personale esterno..
Il lavoro con un mezzo è un lavoro di estrema responsabilità, non dimenticatelo MAI”
 
Dovete avete sempre 2 occhi aperti, e la vostra attenzione deve sempre essere MASSIMA.”
 
Oggi, ho avuto la prova di quanto sarebbe potuto succedere, perché privo di attenzione… e sicuramente questa immensità, oggi, mi ha insegnato questo.
 
Nulla accade per caso, e mi sono reso conto che quel libro “PER NON MORIRE DI LAVORO” parla appunto degli atteggiamenti e dei comportamenti negligenti che possono portare ad incidenti e/o infortuni.
 
Questa sera, lo continuerò a leggere, con un sospiro di sollievo e un po’ di maturità in più!

https://www.amazon.it/lavoro-Viaggio-consapevolezze-comportamenti-irresponsabili/dp/B01MR564K1%3FSubscriptionId%3DAKIAIDMI2PHUZQDVXEEA%26tag%3Dtrovprez00-21%26linkCode%3Dxm2%26camp%3D2025%26creative%3D165953%26creativeASIN%3DB01MR564K1

 
 
 
 
 
 


SICUREZZA SCANAVINO / News / Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota?

Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota?


Ti porto a vedere….L’IMMENSITA’…….. vuoi fare la mia copilota?

Sono Mattia, ed in gergo comune manovro una “ruspa”!

Si, uno di quei mezzi per cui devi avere un’abilitazione teorica e pratica, una sorta di patentino che ti rende abile, al corso di formazione : per addetti alla conduzione di escavatori.

Oggi, il mio scenario è decisamente diverso dal solito…
 
La mia azienda “ha vinto” un appalto con il comune, e dovrò “spianare” le dune di sabbia della spiaggia per gran parte del mio inverno!
 
Che angoscia… il mio primo giorno su questa spiaggia! Un freddo pomeriggio di novembre, e tutto vorrei fare su questa spiaggia, tranne che passeggiare con la mia “ruspa”!!
 
Vorrei portarci la mia perla, mano per mano, la mia GIADA… Mi accontenterei persino di averla qui, come "copilota"!
 
Mi rendo conto che inizio a viaggiare con la mente, ma oggi non riesco a pensare al mio lavoro,  vorrei guardare con lei il mare d’inverno, e cercare tutte quelle risposte, LE NOSTRE, nell’immensità!
 
Un momento di pazzia, Io & Lei su questa spiaggia…
 
Sento che potrei dirle qualsiasi cosa… 
 
Osservo, ci sono così tante coppie che vorrei omologare in questo momento.
 
Ad un certo punto sento un rumore strano.. penso ad un masso, ma no…. È un cagnolino…niente di straordinario… la magia è finita…ed i miei sensi di colpa iniziano a farmi esplodere il cervello!
 
Ho investito un cagnolino innocente, probabilmente scappato da un padrone…
 
Scendo dalla ruspa, non pensavo più a Giada, ma a ciò che sarebbe potuto succedere se avessi investito un collega o un passante.
 
Ero disattento, non pensavo al lavoro, non stavo vivendo il QUI ed ORA… ma fantasticavo su cose che avrei dovuto tenere fuori dal mio lavoro.
Il cane per fortuna sta abbastanza bene, ha una zampetta dolorante, probabilmente rotta, ma posso scongiurare il peggio.
 
SONO STATO LEGGERO…. E non posso perdonarmelo…  adesso posso solo migliorarmi e fare in modo che certe cose non capitino più!
 
…Ora non riesco a pensare ad altro che al formatore del corso di formazione per attrezzature di lavoro ed alle sue parole:
 
“Ricordatevi bene ragazzi, voi siete responsabili della vostra salute e di quella di chi vi gravita attorno che siano colleghi e/o personale esterno..
Il lavoro con un mezzo è un lavoro di estrema responsabilità, non dimenticatelo MAI”
 
Dovete avete sempre 2 occhi aperti, e la vostra attenzione deve sempre essere MASSIMA.”
 
Oggi, ho avuto la prova di quanto sarebbe potuto succedere, perché privo di attenzione… e sicuramente questa immensità, oggi, mi ha insegnato questo.
 
Nulla accade per caso, e mi sono reso conto che quel libro “PER NON MORIRE DI LAVORO” parla appunto degli atteggiamenti e dei comportamenti negligenti che possono portare ad incidenti e/o infortuni.
 
Questa sera, lo continuerò a leggere, con un sospiro di sollievo e un po’ di maturità in più!

https://www.amazon.it/lavoro-Viaggio-consapevolezze-comportamenti-irresponsabili/dp/B01MR564K1%3FSubscriptionId%3DAKIAIDMI2PHUZQDVXEEA%26tag%3Dtrovprez00-21%26linkCode%3Dxm2%26camp%3D2025%26creative%3D165953%26creativeASIN%3DB01MR564K1