SICUREZZA SCANAVINO / News / DURC online: validità prolungata

DURC online: validità prolungata


DURC online: validità prolungata
Estesa per 90 giorni successivi alla fine dello stato di emergenza Covid la validità dei DURC online in scadenza dal 31 gennaio o richiesti dal 19 luglio.



Durc: cos'è e quando è obbligatorio?


Per Durc si intende: Documento unico di regolarità contributiva. Si tratta di un documento che certifica la regolarità di un’impresa o di un operatore economico in termini di contributi previdenziali e assistenziali.

Come abbiamo accennato nel paragrafo precedente il Durc è un documento essenziali per le imprese che vogliono partecipare a gare d’appalto, infatti si prevede l’obbligo di presentazione nei seguenti casi:
  • appalti pubblici (per la partecipazione ad essi, quando viene presentata un’autocertificazione, quando viene aggiudicata la gara, per la stipulazione dei contratti, per l’emissione delle fatture e per il collaudo); 
  • nel caso di gestione di attività (o servizi) pubbliche in convenzione o concessione;
  • lavori privati nel settore edile;
  • per richiedere il rilascio dell’attestazione Soa;
  • iscriversi all’albo dei fornitori;
  • richiedere agevolazioni e incentivi.
Questo certificato viene richiesto da alcuni attori specifici come le PA appaltanti, gli enti privati, le imprese e la Soa.

DURC online: validità prolungata


A decorrere dal 19 luglio 2020, i Durc On Line con scadenza tra il 31 gennaio e il 31 luglio 2020 conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza.

Conseguentemente tutti i contribuenti per i quali è stato già prodotto o che hanno richiesto un Durc On Line con data fine validità compresa tra il 31 gennaio e il 31 luglio 2020, al momento possono sicuramente ritenere valido lo stesso Documento fino al 29 ottobre 2020, con la consapevolezza che tale validità sarà ulteriormente estesa.

Lo prevede la legge di conversione del Decreto Rilancio, che ne ha soppresso il comma 1 all’articolo 81.

Tale scadenza, originariamente prevista per il 31 luglio, faceva ricadere la validità dei DURC in questione fino al prossimo 29 ottobre. Ma considerato che il CdM ha esteso al 15 ottobre lo stato di emergenza Covid, la validità si estenderà ulteriormente.

L’INPS non si è ancora adeguata a tale nuovo slittamento, emanando un documento di prassi che tiene conto della scadenza originaria, ma è presumibilmente questione di giorni per vedere pubblicato un nuovo messaggio che tenga conto di quanto disposto dal DL approvato il 29 luglio dal Governo.

In ogni caso, resta l’obbligo in capo alle stazioni appaltanti/amministrazioni di effettuare la richiesta di verifica della regolarità contributiva secondo le ordinarie modalità.

In sintesi, per le richieste di verifica della regolarità pervenute dal 19 luglio 2020 o ancora in corso l’istruttoria a quella data, inclusi i casi per i quali sia stato già notificato l’invito a regolarizzare la propria posizione, si procederà con l’emissione di un DURC online regolare.


Segui il nostro blog per rimanere sempre aggiornato! 

Hai domande o dubbi su DURC, DUVRI, DVR? Contatta per una consulenza 


Contatta per consulenza sicurezza